Password smarrita

Le tradizioni culinarie del borgo antico di Bari

Tra le stradine strette e lastricate del borgo antico, per le viuzze sparse come anfratti pittoreschi che si affacciano sul mare azzurro di levante, un odore amabile di frittura si insinua nelle serate baresi e ti porta lì, dove donne generose e fiere mantengono viva una tradizione antica, ben radicata nella memoria dei baresi più anziani.

 

Seguendo quel grato odore di frittura si giunge davanti a grandi padelloni fumanti dove si friggono sgagliozze e pòpizze. L’ingresso delle sgagliozze nella gastronomia popolare barese si perde nella storia di questa città, strettamente legato alla generosa disponibilità di olio di oliva e di semola. Così, dalla polenta di semola che pure non è tipica della tradizione barese, resa rafferma, tagliata a fettine e immersa in olio bollente, si ottengono auguste fritture da mangiare rigorosamente calde.

Quella delle sgagliozze è abitudine antica. Gli anziani ricordano quando nei primi anni del novecento, un certo signore chiamato per scherno “zu fiete de le sgagliozze” vendeva la sua merce all’angolo della Prefettura. Oggi i suoi eredi ideali continuano la tradizione friggendo anche le pòpizze, gustose frittelle sferiche, morbide dentro e croccanti fuori. Tra paesi dell’hinterland le pòpizze sono più note con il nome di pettole, cibo povero e prelibato realizzato con un impasto di farina piuttosto lento, sapientemente immerso a cucchiaiate in padelle colme di olio bollente.

Tra i vicoli del borgo antico illuminati dalle luci della sera, tra le pareti imbiancate di calce e le viuzze alla penombra della sera è caratteristico il passeggio con il cartoccio fumante di sgagliozze e pòpizze in mano. Ma da quel borgo antico cuore e anima di questa laboriosa città si insinuano altri odori, di sapori tipici, sapientemente tramandati e diventati fiori all’occhiello dei menù più prestigiosi. Il profumo del ragù di carne, una chicca gastronomica che rimanda a festose domeniche mattina, quando le campane della basilica e delle chiesette richiamano i fedeli alla messa.

Proprio nel dì di festa le massaie si levavano alla buon’ora per cucinare il gustoso condimento di maccheroni ed orecchiette caserecce, preparato con conserva di pomodoro e pezzi di agnello, vitello, maiale e manzo. Olio, cipolla e peperoncino per il primo soffritto, vino rosso e chiodi di garofano per insaporire il tutto, lasciato a cuocere per ore ed ore fino ad ottenere un sugo denso e cremoso ed una carne tenera come burro. Ma in un borgo di pescatori, gli odori ed il sapore del mare si intrecciano e si confondono in un menù della città ancor più tipico delle usanze e del costume dei suoi abitanti.

A cominciare dalla variante marinara del ragù, il ciambotto, un intingolo di pesce minuto di varie qualità cucinato nelle stesse modalità di quello di carne; le cozze “arraganate”, cozze private della valva superiore, cotte al forno in un tegame di coccio con mollica di pane e vino bianco; il “crudo” di mare, una prerogativa tutta barese, cozze nere e mitili di vario genere aperti a lama di coltello e mangiati con una spruzzatina di limone; le seppioline e i polipi, “battuti” sugli scogli per intenerirli e “arricciati” in cestini di vimini con una tecnica tutta barese. Un discorso a parte bisogna riservarlo al pesce. Le orate, preparate al forno con patate e pecorino. Arrostite in graticola o al cartoccio con il limone. Il dentice, cotto al forno in una miscela di olio e di aceto, arricchito a metà cottura con un pugno di olive nere. Gli sgombri, appena bolliti, profumati di aceto e conditi con olio, menta e aglio tritato.

Ma dal borgo antico, alla Bari murattiana, ai quartieri più moderni della città un coro unanime di consensi indica nella tiella di “patate, riso e cozze” il simbolo e l’emblema di questa cucina così generosa di sapori, odori e colori. Si tratta di un piatto noto a tutto il mondo gastronomico che si distingue per la semplicità degli ingredienti quanto per la ricercata qualità degli stessi. Sono le donne del borgo ad insegnare che nella scelta degli ingredienti bisogna assicurarsi che le cozze siano quelle giuste, con un frutto grande e bianco, le patate di pasta gialla, il riso adatto alla cottura e le cipolle dolci e delicate. Tale assortimento viene messo in forno, magari a legna, e lasciato a cuocere lentamente. All’occorrenza, qualche fettina di zucchina sparsa quà e là nella teglia può servire a mantenere l’umidità necessaria all’ideale mantenimento della cottura.

Alla fine di questo viaggio, oltre agli odori e ai sapori restano i colori e le immagini, uniche ed irripetibili di questa città. Il mare azzurro che guarda ad est, le donne del borgo antico che lavano il pezzo di strada davanti alla loro casa, le urla confuse al mercato del pesce, le barche ormeggiate e le reti lasciate ad asciugare. Per esaltare tutto questo può bastare sorseggiare un bicchiere di vino, di quel rosso granato che tinge il bicchiere, prodotto di vitigno aleatico, primitivo e negramaro.

Indietro

Visualizza tutti gli articoli

Cookie Policy | Privacy Policy | Content Disclaimer| Condizioni di vendita

Condizioni di vendita

Tutti i prezzi esposti sul nostro sito sono espressi in € a persona basati su 2 persone che viaggiano insieme utilizzando una camera doppia/matrimoniale.

Tutti i prezzi includono:

pernottamento con bagno privato e/o doccia e WC per un numero di notti indicato nella sezione “itinerario in breve”.

pasti come indicato nella sezione “itinerario in breve”. Nel caso sia inclusa la cena, è previsto un pasto di 2-4 portate, spesso con specialità regionali. Bevande non incluse (tranne a colazione e dove diversamente specificato).

servizi aggiuntivi, come il trasporto bagagli presso le varie strutture negli itinerari a piedi o in bicicletta; noleggio bicicletta negli itinerari previsti; assistenza in loco e guida professionale.

documentazione completa di viaggio, comprendente indicazioni tecniche specifiche in caso di soggiorni che comprendano itinerari a piedi o in bicicletta ed una mappa stradale per gli itinerari con auto a noleggio senza guida.

Opzioni di viaggio

Il nostro obbiettivo è quello di rendere l’itinerario di viaggio quanto più flessibile e consono ai vostri requisiti. Essendo ogni prenotazione accettata individualmente, vi diamo la possibilità, per la maggior parte delle nostre proposte, di scegliere le modalità degli spostamenti, il punto di partenza ed il percorso che riteniate più opportuno; il nostro staff sarà lieto di fornirvi assistenza e consigli in merito.

Assicurazione di viaggio personale

Noi offriamo una polizza di assicurazione viaggio personale appositamente studiata per i nostri itinerari realizzata dalla Columbus Travel Insurance Services Limited, la cui copertura è tra le più caste tra quelle proposte sul mercato. Oltre all’assistenza medica, la polizza prevede una garanzia per la cancellazione e per l’interruzione del viaggio per molte cause. Nel caso di itinerari a piedi o in bicicletta, la polizza prevede anche una copertura in caso di inabilità dovuta a malattia od infortunio.

Riteniamo che la copertura di una polizza assicurativa sia essenziale: in caso decidiate di non acquistare la nostra assicurazione, vi richiediamo di fornorci gli estremi della vostra polizza alternativa (assicuratore, numero di polizza e numero telefonico di emergenza medica) in modo da fornirvi immediata assistenza in caso di necessità durante il vostro soggiorno.

In questo caso, vi chiediamo di accertarvi che la vostra copertura assicurativa sia almeno equivalente a quella della nostra polizza e che sia adeguata alle modalità dei soggiorni presenti nelle nostre proposte. Non accettiamo responsabilità per danni, costi aggiuntivi perdite o spese causate dalla mancanza di cui sopra.

Viaggiatori individuali

Un supplemento è necessario per i viaggiatori individuali. Essendo i nostri prezzi basati su due persone che occupano la stessa stanza, potremmo avere la necessità di applicare un supplemento per i viaggiatori singoli, che avremo cura di segnalare in fase di prenotazione.

© Copyright 2019 - Associazione Ad Pugliam All Rights Reserved
Associazione Ad Pugliam Via Fiume, 20 Bari - T: 080 5337586 - F: 080 9905959 - C.F.: 93370470721